Recensione Doomsday Book

Doomsday Book di Kim Jee-Woon e Yim Pil Sung, Corea del Sud, 2012, 120′ Cast: Kim Kang-Woo, Kim Gyu-Ri, Ryoo Seung-Bum. Film presentato al Trieste Science Plus Fiction festival della fantascienza Due grandi registi coreani creano una coinvolgente antologia fantascientifica in tre atti. In a Brave New World, un’apocallisse zombie si sviluppa da un virus mutato a causa di una gestione dei rifiuti che lascia molto a desiderare,  Seoul verrà devastata e la razza umana vedrà sorgere una nuova “civiltà”. In The Heavenly Creature, un robot raggiunge il nirvana lavorando in un tempio buddista e viene accolto come il nuovo Buddah; il suo creatore lo considera  una minaccia per l’umanità e deciderà di eliminarlo. Nel terzo capitolo, chiamato Happy bithday, una ragazzina ordina da uno strano sito una nuova palla da biliardo per il padre; senza preavviso un meteorite si dirige verso la terra e la popolazione si dovrà nascondersi nei rifugi sotterranei per cercare di sopravvivere. Il primo episodio è la solita storia zombie che nonostante alcune idee carine non convince particolarmente e la sceneggiatura pare un po’ stanca. Molto bello e poetico invece il secondo episodio che tratta un argomento molto interessante quale la robo-etica e la regia si presta molto bene alle ambientazioni mistiche dei templi buddisti. In chiave decisamente più comica il terzo spezzone dove, grazie anche a scene esilaranti e una sceneggiatura molto godibile, riescono a rendere questo capitolo decisamente...

Cockneys Vs Zombies recensione

Cockneys Vs Zombies di Matthias Hoene, Regno Unito, 2011, 87′ Cast: Michelle Ryan, Harry Treadaway, Alan Ford Il film, vincitore del premio Méliès d’argento vede due fratelli dell’east end di Londra ( detti Cockneys per l’appunto) che, aiutati dalla cugina, decidono di rapinare una banca per salvare dalla demolizione la casa di riposo del nonno. La rapina non va molto bene, ma quando si arrendono alla polizia che li ha circondati e escono dalla banca si accorgono di essere nel mezzo di una apocalisse zombie. Comincia allora la loro lotta contro questi morti viventi per raggiungere il nonno e salvarlo insieme agli altri anziani ospiti della struttura. Una commedia molto divertente, soprattutto se amate l’umorismo britannico. Il giusto mix di humor e scene splatter riescono a tenere viva l’attenzione dello spettatore per tutta la durata del film, che in Inghilterra è già diventato un cult. Da notare infine l’impeccabile Alan Ford nel ruolo del nonno (gia attore teatrale di nota fama) che regala una recitazione da manuale....

Grabbers recensione

Grabbers di jon wright, UK/Irlanda, 2011, 94′ Cast: Richard Coyle, Ruth Bradley, Russell Tovey, Lalor Roddy, David Pearse Il film -vincitore del premio del pubblico al Trieste Scince + Fiction- si apre sull’isola di Erin, una tranquilla e sperduta landa al largo delle coste dell’Irlanda dove non succede mai niente a parte qualche rissa al pub; il pigro Ciaran O’Shea ha il compito di accogliere Lisa Nolan, la nuova bellissima e inflessibile agente appena arrivata per sostituire il capo della polizia locale. Ecco però arrivare i guai, un giorno alcuni pescatori scompaiono nel nulla, poco dopo appaiono decine di balene spiaggiate e piene di tagli lungo tutto il corpo. Cosa starà succedendo? Divertente monster movie che prende apertamente spunto dai classici del genere ( Tremors/Gremlins ).Grazie ad una sapiente ed equilibrata miscela di humor (da notare che non ci sono battute a sproposito), azione e suspance;  grazie anche a una scenografia molto curata, non rimarrete delusi da questo film. Molto curati anche gli effetti speciali, le animazioni dei mostri sono rese perfettamente. Infine originale l’idea che queste creature mostruose affamate di sangue siano allergiche all’alcool, nasceranno delle situazioni davvero esilaranti, tra feste a pub e fiaschette d’emergenza. Sicuramente non il film dell’anno ma perfetto se volete passare un ora e mezza in maniera...

The Divide

The Divide di Xavier Gens, Germania/USA/Canada, 2011, 115′ Cast: Lauren German, Michael Biehn, Milo Ventimiglia, Rosanna Arquette. Una bomba atomica esplode su New York, otto persone si rifugiano in un bunker per sopravvivere. Come se non bastassero le difficoltà dovute alla carenza di viveri e la convivenza forzata entrano in scena dei militari che, dopo aver fatto irruzione nel rifugio, rapiscono la bambina del gruppo e se ne vanno sigillandosi il bunker alle spalle. Interessante analisi della sociologia umana in condizioni estreme, i protagonisti vegono portati al limite della pazzia regredendo ad uno stato barbarico dove la civiltà rimane solo un ricordo. la psicologia dei personaggi viene caratterizzata al meglio e unendo a questo le ambientazioni claustrofobiche di questo buncher innescano delle interessanti riflessioni sulla psiche umana. Dalla trama del film non si capisce chi siano i militari che appaiono, ne per quale motivo abbiano rapito la bambina. Il regista, durante un’intervista, chiarirà la questione spiegando che in realtà erano una forza armata di scienziati che volevano salvare i bambini per ripopolare in futuro la terra.    ...

Errors of the Human Body di Eron Sheean

  Errors of The Human Body di Eron Sheean, Germania/Australia, 2012, 101′ Cast: Michael Eklund, Karoline Herfurth, Tomas Lemarquis. Il film, vincitore del premio asteroide ai registi emergenti, proietta lo spettatore nell’ansiogeno labirinto dell’institute for mulecular cell biology and genetics, dove il dottor Geof Burton si è trasferito per completare gli studi sulla malattia genetica che ha ucciso sua figlia. Presto verrà però a conoscenza di uno studio che sembrerebbe garantire una rigenerazione cellulare quasi immediata: aiutando una sua collega in questa ricerca, il protagonista si imbatterà nella competizione spietata che spesso caratterizza gli ambienti scientifici, fino a restare invischiato in un complotto che cambierà per sempre la sua vita. Ambientato in una Dresda invernale che ben si adatta al cupo realismo delle scene – dove, per altro, la psicologia dei personaggi viene sviluppata in modo più che soddisfacente -, il film presenta una scenografia claustrofobica ed evidentemente studiata che aiuta a mettere in risalto le riflessioni molto intense. La pellicola riesce inoltre nell’impresa del mantenere un marcato rigore scientifico per tutta la sua durata, oltre ad un’alta plausiblità, che lo rendono sicuramente uno dei film più interessanti presentati in questa edizione del...

Baikonur di Veit Helmer

Baikonur di Veit Helmer, Germania/Russia/Kazakistan, 2011, 94′ Cast: Alexander Asochakov, Julie Marie De Villepin, Nazira Sitora Farmonova. Film presentato al Trieste Science Plus Fiction La pellicola si apre su un villaggio in Kazakistan vicino al cosmodromo russo di Baikonur. Iskander detto Gagarin è un radioamatore che rintraccia i detriti delle missioni Soyuz che si schiantano nel deserto e che gli abitanti del villaggio rivendono per vivere. Iskander è anche innamorato di una astronauta francese di cui segue le gesta attraverso la televisione. Un giorno Julie precipiterà con una piccola capsula nelle vicinanze della casa di Gagarin perdendo la memoria. Bellissima scenografia con campi lunghi che riprendono la steppa Kazaka. Affascinante il connubio tra la vita quasi preistorica degli abitanti del villaggio con le costruzioni della base di lancio con il classico imponente stile sovietico.        Una divertente commedia che vede un amore impossibile e lo scontro tra le tradizioni di un popolo e il mondo moderno.    ...